Salta al contenuto


Lord Assaen

Registrato: 05 Nov 2006
Offline Ultima Attivita': Jul 16 2018 10:23 PM
Dopo anni ho relizato che il vostro nome è Alessandro anagrammato... beh... me è ztupido Orko ke pretende ? ^_^ Saluti Updated 11 Aug · 0 comments
*****

Su Di Me

"Lord Assaen attese un attimo, forse per respirare. Sembrava estremamente stanco.
Il suo corpo esile era rinchiuso in una armatura color del freddo, decorata ai bordi con piccole finiture in oro, che dimostravano il valore di quel cimelio, ma erano sporche di fango e di terra essiccata. Nello stesso stato erano i gambali d’acciaio, simili a quelli che avrebbe indossato un principe. La veste, di un tetro grigio, era coperta da un largo mantello nero, con un cappuccio in quell’occasione non calcato sulla fronte. Una pesante bandana dello stesso colore del mantello era avvolta a mo’ di sciarpa attorno al collo del guerriero. Aysfalé tentò per un attimo di immaginarlo mimetizzato nell’oscurità: se si fosse avvolto nel mantello, coprendosi il volto con la bandana ed il cappuccio, sarebbe stato quasi invisibile.
Il corpo del soldato era incredibilmente carico di spade: dalla cintura gli pendevano due lunghe lame identiche, legati intorno al petto c’erano altrettanti coltelli da lancio, più un terzo pugnale stretto attorno all’avambraccio con un nastro nero. Difficilmente individuabili, due corte stelle da lancio erano infilate in delle tasche nascoste in entrambi i suoi gambali. Infine, un’ultima lama, lunga almeno quanto un uomo, era stretta saldamente alla sua schiena, affiancata da una faretra di frecce mezza piena e da un arco quasi storto, consumato dall’usura.
Non c’era, a parte il volto, neanche un tratto di pelle del guerriero visibile: era pallida, smorta, sembrava quasi senza sangue. I suoi tratti somatici aguzzi erano stati stravolti da una serie di lividi ed ammaccature, oltre che da un buon numero di cicatrici: una di queste, bianca, la più evidente e la più inquietante, solcava in diagonale il volto, dalla sopracciglia destra, attraverso il naso, lungo tutta la guancia sinistra. La cicatrice apparentemente continuava anche sotto alla bandana, fino al collo. Come a voler contrastare col bianco della pelle, un taglio fresco, ancora sanguinante, poco più su dell’occhio sinistro, al di sopra delle belle sopracciglia. I capelli del guerriero erano color cenere, mal curati, lunghi, tenuti a stento a freno dietro le orecchie. Sulla fronte, leggermente sporco di sangue della ferita proprio sotto di esso, c’era un sottile e decorato cerchietto d’oro, una piccola corona con una brillante gemma rossa al centro. Quel piccolo ornamento sembrava essere l’unica cosa elegante che quello strano Assaen portasse con sé."

estratto da "La Fine"


Community Stats


  • Gruppo: Web Team
  • Messaggi Attivi: 2120
  • Profilo Visualizzato: 7784
  • Titolo Utente: WHFB Narrator Contest 2006 Winner
  • Eta': 28 anni
  • Compleanno: Marzo 6, 1990
  • Gender
    Male Male
  • Location
    Nagarythe (Monza)
  • Interests

User Tools

Ultimi Visitatori