Salta al contenuto


Foto

(Whfb) Il Risveglio Di Menetepre


  • Please log in to reply
2 replies to this topic

#1 Alexander Von Poppeldorf

Alexander Von Poppeldorf

    Fante

  • Members
  • Punto
  • 381 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pesaro

Inviato 11 April 2022 - 07:32 PM

Menetepre riaprì gli occhi nella cripta, la sua cripta: su questo non ebbe dubbi. Non riuscì però a capire per quanto tempo fosse rimasto assopito. Le colonne e l’architrave erano erose da infiltrazioni, spaccate da radici, e il fango ricopriva il marmo nero e i mosaici che, secoli prima, adornavano il pavimento. Forse anche millenni. Si levò debole dal suo sarcofago, arrancò alla stanza attigua: i grimori, gli incunaboli, i filatteri, le pergamene si disfacevano putrefatti sugli scaffali di legno marcio; e di quella che una volta era stata una vasta biblioteca non restava che immondizia. Lui guardò con occhi vuoti quel disastro, quello scempio: ci fu un tempo, forse - gli sembrò di ricordare - in cui qualcosa di ancora umano che in lui sopravviveva avrebbe pianto, urlato della perdita di quei tesori; e se avesse sospettato che qualcuno avesse osato minacciarlo, danneggiarlo, o privato dei suoi libri, quel qualcuno sarebbe morto la stessa notte o braccato dai suoi servi fino ai confini del Vecchio Mondo. Ma adesso nulla: restò in silenzio, del tutto indifferente. E del resto ogni parola, geroglifico, ogni canto, ogni runa che era un tempo iscritta su quelle pagine gli era impressa nella mente come qualcosa di ovvio: la scienza nera - per la sua stirpe - non era studio; piuttosto un dono, di più, un istinto. Era ancora molto fiacco, si sentiva un po' offuscato. E frugò tra gli scaffali con le dita ischeletrite. La sua esperienza di millenario collezionista gli permise di datare quello stato di abbandono: dieci secoli, più o meno.

«Ho dormito per mille anni?», Menetepre si stupì.

«Sì, maestro», una voce lo sorprese.

Lui strisciò a nascondersi nell’angolo più buio, scoprì le zanne e gli artigli neri e restò in guardia da quell’intruso. Dalle scale che conducevano all’odiato mondo esterno scese un uomo in vesti viola che irradiava luce nera: l’alone necromantico; ma così debole, fioco e rozzo da averne quasi pena.

Menetepre - ne era certo - non conosceva quell’individuo, ma l’odore del suo sangue gli era invece familiare. Ne sentì quasi il sapore. Gli tornò nella memoria il volto vizzo di un servitore: che in un tempo molto antico, e in città oramai sepolte, gli era stato fedele per un’intera esistenza.

Un mortale, tuttavia: e quello che adesso si inchinava rispettoso, implorando la sua attenzione prima ancora che la pietà, non poteva essere lo stesso uomo. Anche ammesso che con quel briciolo di arte nera fosse riuscito ad estendere la propria vita di due-trecento anni.

«Ti conosco?»

«No, maestro. Ma io, come mio padre, suo padre ed i miei avi, ho ogni giorno custodito la sua tomba in attesa del suo risveglio. L’ho protetta dai tombaroli, dai cacciatori di streghe; ho bagnato del sangue di olocausti la pietra del suo sarcofago.»

«Ti ringrazio, umano.»

«No! Questa veglia per me è stata un sacro dovere!»

«Perché l’hai fatto?», sibilò Menetepre: i cultisti in questi casi si aspettano ricompense; ma se lui non fosse stato così debole, invece, gli avrebbe invece spezzato il collo. Lo avrebbe divorato.

«Per apprendere da voi i segreti dell’arte nera. E, in cambio, soddisfare tutti i vostri bisogni.»

«L’arte nera», lui ghignò: dopo un sonno così lungo, quanta ancora ne possedeva? Gli antichi scheletri di guerrieri che custodivano il suo sepolcro si rianimarono ad armi in pugno a un suo cenno delle dita, e la tomba echeggiò dei terribili lamenti delle anime torturate che vi erano rinchiuse.

«Meraviglia! Meraviglia!», quel **** si prostrò.

Ma questo è niente, lui si irritò: nella splendida e tenebrosa Nehekhara, dove vivo e ancora giovane era stato uno studente, persino l’ultimo dei suoi compagni perinecratici era in grado di suscitare quei Non-Morti Minori: se invece il suo risveglio avesse attratto potenti Ombre, o indotto le nere mute dei Ghoul a adunarsi alla sua tomba, allora avrebbe avuto la conferma di essere rinato quale il mago che era stato. Un tempo i suoi stendardi di vampiro garrivano a un vento nero su eserciti di zombi, spettrali reggimenti; un tempo ai suoi canti necromantici rispondevano Carrozze Nere e Costrutti giganteschi. E un tempo percorreva le fredde notti del Vecchio Mondo in cerca del sapere che è celato sottoterra.

Ne sarebbe ancora stato in grado?

«Abbiamo molto lavoro da compiere, umano. Faremo esperimenti.»

«Sì, maestro!», l’idiota lo abbracciò.

Menetepre, innanzi tutto, lo azzannò alla carotide: non ci si dedica all’opus magnum, senza sangue nelle vene.

 



#2 Simple Man

Simple Man

    Tenente

  • Members
  • PuntoPuntoPunto
  • 4505 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Bergamo

Inviato 11 April 2022 - 08:42 PM

lo avevo già letto, ma mi piace così tanto che non posso ri-commentarlo e rifarti i complimenti!


elbrecht a grimaldus:Santa Celestina é stata sconfitta da abaddon durante la battaglia delle pianure di pontias III. grimaldus:e che ci faceva fuori dalla cucina?

Io credo che gli Squat dal loro Valhalla se la ridono alla grande. Meglio scomparire nel freddo siderale che esistere in quella forma.

vuoi giocare demoni ma a casa hai solo lupi siderali? ti presenti e dici: allora, le lunghezanne sono untori, i cacciatori grigi, a due a due, sono diavoli, lo speeder è il carro di tzeench e questo yogurt alla pesca è kairos fino alle 11, poi è la mia merenda.


#3 Thanatos

Thanatos

    Tenente

  • Members
  • PuntoPuntoPunto
  • 5092 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Arese (MI)

Inviato 12 April 2022 - 11:35 PM

Bello, i vampiri hanno sempre il loro fascino :)

Thanatos -Membro della Nova Invicta Aresina- (e coinventore del nome) 
 

I Buoni vincono...i Cattivi perdono...e, come sempre, Bretonnia domina!   

 

Giocare a Warhammer senza BG è come mangiare delle patatine senza sale: un vero spreco!  

 

I miei racconti: [WHFB] La Banda del Drago Rosso [WH40K] La Caduta di Elmen III°

 





0 utenti stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi